Raccolti 300 pneumatici dai fondali grazie a un robot

Da Il Mattino

di Ilenia De Rosa

Raccolti oltre 300 pneumatici dai fondali marini antistanti la costa di Nisida. Alla giornata ecologica organizzata dall’associazione ambientalista Marevivo, Guardia di Finanza, Consorzio EcoTyre, con il supporto di  Epm Servizi, ormeggio Sena, centro subacqueo Sant’Erasmo, Isform, Lega navale italiana, Gaiola Onlus, Nucleo Volontario Ambientale, Associazione subacquea hippocampus, Install srl, hanno partecipato circa 50 sommozzatori, impegnati nella pulizia dei fondali.

In occasione di Let’s Clean Up Europe, la giornata europea per la riduzione dei rifiuti, sono stati raccolti oltre 300 pezzi, che saranno condotti al riciclo. L’azione di bonifica è stata preceduta da un’attività di monitoraggio e analisi da cui è scaturita una mappatura dell’area. «Qualche giorno fa attraverso l’utilizzo di “Rov”, un robot messo a disposizione dalla nostra società – spiega Pierre Jean Le Floch, della Install srl – in grado di ispezionare i fondali marini e registrarne i dati, sono stati individuati i pneumatici presenti nello specchio d’acqua. Le ridotte dimensioni del Rov, rese possibili da una tecnologia miniaturizzata, hanno permesso un rapido intervento a basso impatto logistico. L’elevato quantitativo di materiale trovato è stato registrato attraverso la telecamera inserita nel robot: di ogni elemento sono stati individuati dati quali la dimensione, l’esatta posizione, l’eventuale presenza di vegetazione».

Le informazioni ricavate sono servite per una mirata attività di pulizia. EcoTyre, consorzio che si occupa del ritiro e del recupero degli pneumatici fuori uso in tutta Italia, ha messo a disposizione un suo mezzo per caricare i pezzi raccolti che saranno portati presso gli impianti di trattamento in cui verranno gestiti. Obiettivo della manifestazione è stato anche quello di sensibilizzare la popolazione sulla difesa dell’ambiente marino e diffondere la cultura del rispetto del mare e del suo ecosistema. «Siamo giunti già al terzo anno della fattiva collaborazione tra Marevivo e Ecotyre, il cui obiettivo è duplice: raccogliere e portare fino al riciclo gli pneumatici fuori uso e sensibilizzare i cittadini sui problemi dell’abbandono dei rifiuti, aiutandoli a cambiare i loro comportamenti» ha affermato Carmen Parisio Di Penta, direttore generale di Marevivo.

«Questa manifestazione è stata fortemente voluta dalla Guardia di finanza di Napoli ma solo la sinergia con Marevivo e Ecotyre e la grande mobilitazione di tanti cittadini, amanti del mare, ne hanno determinato il successo – ha affermato Biagio Looz, colonnello della Guardia di finanza – Non ci siamo limitati ad un’operazione di pulizia, ma abbiamo sensibilizzato sul tema dei rifiuti».